Spazioprever lezioni in rete - I.I.S. "A. Prever" Pinerolo

 

Dalla vite al vino

Metodo Charmat

Il metodo Charmat si divide in:
  1. Charmat corto
  2. Charmat lungo
metodo charmat Fasi per l'elaborazione degli spumanti Charmat

 

Metodo Charmat "corto"

Il metodo Charmat corto è ideale per quegli spumanti che vogliono esaltare i profumi primari, aromatici, prevalentemente con sapore dolce. Ha durata di 20-40 giorni.

Nascita del nuovo vino

Come nel metodo classico, anche con questo metodo si deve arrivare ad avere i vini tranquilli prima, e un vino base dopo, la cuvèe, per passare alla fase successiva.

Presa di spuma

autoclavi orizzontali per la presa di spuma Metodo Charmat: autoclavi orizzontali per la presa di spuma

Il vino base viene messo in grossi contenitori cilindrici in acciaio e termoregolati.
Questi contenitori si chiamano autoclavi e sono chiusi ermeticamente.
Insieme al vino vengono aggiunti lieviti selezionati e zuccheri, in modo tale da favorire la rifermentazione in autoclave.

La rifermentazione deve essere termocontrollata ad una temperatura che va dai 14 ai 18°C per permettere un graduale assorbimento dell’anidride carbonica.

Refrigerazione - travaso - filtrazione - imbottigliamento

Quando la presa di spuma si esaurisce o si vuole interromperla per avere un residuo zuccherino maggiore nel prodotto finito, si passa alla refrigerazione, ossia si raffredda il vino per favorire la precipitazione dei sedimenti, quindi si procede con il travaso e la filtrazione del vino. Infine si effettua l’imbottigliamento, tappatura, etichettatura.

Molto importante sapere che tutti gli spostamenti dello spumante: travasi e imbottigliamenti, vengono effettuati con apparecchiature isobariche, per non avere dispersione di anidride carbonica.

 

Charmat "lungo"

Il metodo Charmat lungo è una via di mezzo tra il metodo classico e il metodo Charmat corto, ha una durata di 9-15 mesi.

Nascita del nuovo vino

Anche qui si procede alla vinificazione separata delle varie uve fino ad arrivare al vino tranquillo.

Assemblaggio

Si procede con l’assemblaggio dei vari vini tranquilli per ottenere il vino base (cuvée).

Affinamento

Il vino viene lasciato a contatto con i lieviti, che periodicamente vengono rimescolati con il vino stesso, mediante degli agitatori ad elica. Questo serve per avere una complessità  di profumi più ricca. Questa fase ha una durata di 9-12 mesi.

Travaso e filtrazione

Il vino viene travasato e filtrato con apparecchiature isobariche.

Dosaggio

Con questa fase si aggiunge una soluzione zuccherina che in base al quantitativo caratterizzerà  la tipologia di spumante.

Imbottigliamento

Sempre con l’ausilio di apparecchiature isobariche, il vino viene imbottigliato. Dopo questa fase si passa alla tappatura e all’etichettatura. A questo punto le bottiglie devono osservare un breve periodo di riposo in cantina e poi possono essere messe in commercio.

torna a spumanti

SERVIZI SPAZIOPREVER
HOMEPAGE